Patto per la lettura

logoIl Comune di Portogruaro ha sottoscritto, nel mese di marzo 2022, il “Patto Città di Portogruaro per la Lettura”, un accordo che riconosce il valore della lettura come mezzo fondamentale per la crescita sociale ed economica della comunità. Lo scopo dell’iniziativa è quello di dare vita ad una grande alleanza cittadina che possa ideare e sostenere progetti di promozione della lettura che assieme ad altre iniziative accresca l’immagine di Portogruaro quale “Città di cultura”.

La notizia è riportata anche in questo articolo su Portogruaro.net

Alla cerimonia di avvio erano presenti alcune delle Associazioni e dei cittadini primi firmatari del documento al quale nei prossimi giorni potranno aderire anche altri soggetti sia pubblici che privati. Il Luzzatto è tra i firmatari del patto , assieme a Confcommercio, U.T.E. Università della Terza Età del Portogruarese, Libreria Al Segno, Libreria Todoro, Ediciclo, Visystem, F.A.I. Fondo Ambiente Italiano, Rotary Club Portogruaro, Club Alpino Italiano, I.I.S. “L. Da Vinci”, Istituto Vescovile “G. Marconi”, Fondazione S. Stefano Onlus, A.N.T.E.L. Veneto Associazione Culturale “La Bassa”, Associazione Culturale “Porto dei Benandanti”, Associazione Pensionati Lugugnana ODV, Artivarti Asdc, Asd Friendly Pets Asd, Associazione “Fondazione Colluto”, Gruppo Archeologico Veneto Orientale, Circolo Movimento Decrescita Felice Livenza- Tagliamento, Usborne Community, oltre a privati cittadini.

Il Patto in dieci punti
1.  È uno degli strumenti per rendere la lettura un’abitudine sociale diffusa, riconoscendo il
diritto di leggere come fondamentale per tutti i cittadini.
2.  Si fonda su un’alleanza tra tutti i soggetti che individuano nella lettura una risorsa strategica
ed è aperto alla partecipazione di chi condivide l’idea che leggere sia un valore su cui
investire.
3.  Punta  ad  avvicinare  alla  lettura  chi  non  legge  e  a  rafforzare  le  pratiche  di  lettura  nei confronti di chi ha con i libri un rapporto sporadico, per allargare la base dei lettori abituali.
4.  Punta a stimolare il protagonismo dei lettori come propagatori del piacere di leggere.
5.  Punta  ad  aiutare  chi  è  in  difficoltà:  leggere  nelle  carceri,  negli  ospedali,  nei  centri  di accoglienza, nelle case di riposo è un’azione positiva che crea coesione sociale

Ultima modifica il 01-04-2022